menu

gasparri2017g5

Legittima difesa, Gasparri: “Toghe non dettino agenda a politica”


“La magistratura, oltre ad assumere posizioni di vertice nei partiti, continua a voler dettare l’agenda alla politica. Lo fa ancora una volta il consueto Nello Rossi, gia’ esponente di vertice di MD, oggi in Cassazione, che dice che non si deve fare una nuova legge sulla legittima difesa. Invece l’evidenza dei fatti dimostra che questa scelta e’ indispensabile”. Lo dichiara il senatore di Fi Maurizio Gasparri. “Ed e’ gravissimo che Rossi, ignorando le preoccupazioni dei cittadini aggrediti nelle loro case, con protervia ed arroganza e violando il ruolo che gli affida la Costituzione, si mette a dire cosa deve fare o non fare il Parlamento. Del resto, se il Paese e’ ridotto cosi’ e’ perche’ le leggi piu’ che dal Parlamento sono state fatte sotto dettatura dei Rossi, di nome e di fatto. Contesteremo in tutte le sedi competenti questa invasione di campo di Nello Rossi, l’ennesima, che assume le forme di una intollerabile provocazione ai danni di tutti i cittadini aggrediti dai criminali nelle loro abitazioni. Che Nello Rossi dica come magistrato in teoria autorevole queste parole, ci dimostra una volta di piu’ nelle mani di chi sia nella sostanza il Paese. Il parlamento non conta niente, comandano alcune alte burocrazie della magistratura”.

Commenti temporaneamente disabilitati.