menu

romaniquaglia

“Idea – Forza Italia, avviato coordinamento politico parlamentare”


Al Senato la Federazione delle libertà da gruppo parlamentare su richiesta del presidente dei senatori di Forza Italia Paolo Romani cambia nome e prende quello delle organizzazioni che ne fanno parte, quindi Idea-Fi, mentre la federazione diventa la sigla di un organismo di coordinamento che comprende Idea, Fi e la componente di centrodestra del gruppo Grandi autonomie e liberta’-Gal restando aperta da ulteriori adesioni. Ad annunciare il cambiamento il senatore e leader di Idea Gaetano Quagliarello, capogruppo sino ad oggi della Federazione delle libertà, e il senatore Paolo Romani, capogruppo di Forza Italia. Primo compito alla ripresa dei lavori parlamentari sara’ sulla legge elettorale. “E’ un progetto aperto, c’e’ una diversita’ rispetto agli amici della Lega- spiega Quagliarello- la Lega ha una sua identità precisa da noi rispettata che non e’ quella liberale, cristiana, conservatrice che e’ propria delle altre forze da Fratelli d’Italia sino alle forze centriste, e sono queste che si ritrovano in un coordinamento per poi concordare una linea politica con gli alleati di centrodestra”. Si tratta, prosegue Quagliarello, “di un contributo a quella armonizzazione del campo delle opposizioni e del centrodestra che in realta’ si sta verificando gia’ da tempo: non si tratta di un’iniziativa dall’alto ma la derivazione di quello che e’ accaduto in Aula negli ultimi mesi”. Nell’ambito della Federazione delle liberta’ nasceranno organi di coordinamento che riuniranno i parlamentari che hanno seguito specifici temi e ci saranno riunioni e tavoli comuni, “e questa realta’ potrebbe con il tempo essere suscettibile di cambiamento”, aggiunge il senatore e leader di Idea Gaetano Quagliarello, “e questo lavoro varra’ innanzitutto alla ripresa sulla legge elettorale”. La politica vive una fase di “destrutturazione, frammentazione, aggregazione”, dice il senatore Paolo Romani, capogruppo di Forza Italia: “I partiti sono indeboliti, c’e’ un problema di rappresentanza politica, questa destrutturazione ha portato alla frammentazione della politica e dei parlamentari, il tentativo di oggi e’ quello della riaggregazione” nel campo del centrodestra, “o meglio del centro-centrodestra”, precisa Romani, “e’ un processo che deve avvenire nel territorio” e nelle relative assemblee elettive. “Questo di oggi al Senato e’ il primo tentativo coerente di un disegno di riaggregazione”, aggiunge il capogruppo Fi. Pero’, precisa Romani la nuova Federazione delle liberta’ coinvolgendo anche la Camera “potrebbe presentare al Paese quel nuovo contenitore che possa essere un punto di riferimento, non solo un fenomeno parlamentare ma legato al territorio”.

Commenti temporaneamente disabilitati.