menu

romani-gasparrilug17

Immigrazione, Romani – Gasparri: “A Tallin nulla di fatto”


“Nulla di fatto a Tallinn: che fosse informale o meno, di sicuro quello raccolto dal ministro Minniti in Estonia e’ stato un chiaro e netto rifiuto alla proposta di regionalizzare il soccorso ai migranti, cioe’ condividere non solo le operazioni di salvataggio ma anche le procedure di accoglienza. Il no e’ arrivato chiaro dal ministro tedesco, Thomas de Maiziere, che addirittura ha argomentato paventando il rischio di attirare piu’ migranti, ignorando, o facendo finta di ignorare, che il flusso migratorio dall’Africa non e’ diretto in Italia, ma in Europa”. Lo dichiarano Paolo Romani, presidente dei senatori di Forza Italia, e Maurizio Gasparri, vicepresidente del Senato. “E si torna all’equivoco di un Paese, il nostro, che chiede all’Unione solidarietà per un problema nazionale: il Mediterraneo e’ il confine dell’Europa, non dell’Italia. Se l’Unione Europea intende abdicare ancora una volta al ruolo politico che la storia di questo continente e delle nazioni che la compongono avrebbero meritato in tutti i contesti internazionali – aggiungono -, l’Italia ne prenda atto e agisca da potenza quale e’: abbiamo il dovere etico di assumerci la responsabilita’ di utilizzare ogni mezzo consono per spostare la linea di intervento dalle acque del Mediterraneo alle coste libiche. E’ un dovere che abbiamo nei confronti del nostro Paese, dei cittadini italiani tutti e della loro sicurezza, ma anche di quei migranti vittime dei trafficanti. Ne abbiamo le competenze, le possibilita’ e le capacita’; anche a nome di quei governi europei che ignorando il problema vengono meno al dovere di proteggere il loro territorio nazionale e i loro cittadini”, concludono.

Commenti temporaneamente disabilitati.