menu

romani700_6

Albania, Romani: “Italia la sostenga in delicato passaggio”


“L’Italia e’ da sempre il principale alleato del processo di integrazione europea dell’Albania, e deve continuare a mantenere un ruolo di guida e di sostegno in questo passaggio delicato. I rapporti fra Italia e Albania affondano nelle radici della storia ma si concretizzano anche nell’attualita’ delle relazioni bilaterali. Il nostro Paese non puo’ quindi rimanere indifferente in merito alla crisi politica in atto in questo momento in Albania”, afferma Paolo Romani. Il presidente dei senatori di Forza Italia sottolinea che si tratta di “una crisi politica che si innesta su una situazione complicata dalla forte presenza sul territorio della criminalita’ organizzata impegnata nella produzione, dagli ultimi dati in crescita, e del traffico di cannabis verso il nostro territorio e che vede le nostre istituzioni, assieme a quelle albanesi, protagoniste nel contrasto e nel controllo del territorio. In questo scenario diviene fondamentale la gestione delle prossime elezioni da parte di un governo di garanzia, supportato da maggioranza ed opposizione, come richiesto anche dal Presidente del Parlamento, Ilir Meta, in rappresentanza del Movimento Socialista per l’Integrazione componente della maggioranza di governo, in grado di rasserenare il clima di scontro politico fra i maggiori partiti albanesi, il partito socialista del Primo Ministro Edi Rama e il partito democratico del Presidente Luzlim Basha, rispettivamente al governo e all’opposizione; di dare al Paese una nuova legge elettorale, dopo il fallimento della riforma in discussione in Parlamento; e di assicurare elezioni democratiche e libere”. “Solo in presenza di queste condizioni il processo di integrazione nell’Unione dell’Albania potra’ andare avanti senza ostacoli e sotto i miglior auspici. L’Italia deve svolgere un ruolo di promotore in tutte le sedi europee a supporto dell’Albania nell’evoluzione positiva di questa fase e nel raggiungimento dell’obiettivo finale dell’ingresso nella Unione Europea”, conclude.

Commenti temporaneamente disabilitati.