menu

Immigrazione

Immigrati: Casellati, sinistra invoca accoglienza ma non la governa


“Netta contrarietà all’abolizione del reato di clandestinità. L’esecutivo e la sinistra, sull’onda emotiva di terribili tragedie, parlano di accoglienza ma non sanno come governarla”.

Lo dice Elisabetta Alberti Casellati, prima dell’inizio dei lavori dell’aula del Senato dove si discute delle pene alternative al carcere, sulla base del testo uscito dalla commissione  Giustizia che prevede l’abrogazione del reato di clandestinità.

“In Italia -aggiunge- deve entrare solo chi ha la possibilità di vivere e mantenersi in condizioni dignitose, secondo i presupposti della Bossi-Fini. Invece, eliminare il reato significa cancellare un deterrente importante”.

“Si rischia -prosegue- di favorire l’ingresso di persone che, gia’ indebitate con gli scafisti e senza lavoro, saranno indotte a delinquere e quindi a riempire quelle stesse carceri che si vorrebbe invece decongestionare. Il no all’abolizione di questo reato -conclude- e un si’ alla cultura della legalità”.

Commenti temporaneamente disabilitati.